Google+
FAQ

7) Perché viene spesso insegnato l’esatto contrario?

Per tenerci il potere a denti stretti. Coloro che sono incaricati di apprenderci i codici sociali in materia relazionale sono spesso coloro che ci dirigono (genitori, insegnanti, la chiesa, l’esercito, le aziende, …). In totale buona fede, ripropongono insegnamenti ereditati da epoche in cui buona educazione e rispetto si trasmettevano con servilismo; o la libertà ed il potere si esprimevano con un rapporto di forza; o la brutalità, l’implicito ed il non-detto erano segni d’intelligenza:

  • “Il cliente è re”
  • “Non tutte le verità vanno dette”
  • “Non si dice “voglio” ma “vorrei””
  • “Non dire cosa pensi, perché qualcuno ti fregherà”
  • “Se fai vedere le tue emozioni, sarai debole”
  • “Occhio per occhio, dente per dente”

In totale buona fede…perché coloro che avevano bisogno di mostrarsi talentuosi nella      relazione a quell’epoca erano meno numerosi di oggi e si viveva più felicemente da intrisi d’idee inculcate, anche perché non si poteva fare diversamente. Oggi, è esattamente l’opposto.

 

Come parlate?

Mettete alla prova le vostre competenze relazionali!

>Iniziare il test

Una per volta, tante idee

3.000 stagisti l’anno

Il 98% dei nostri stagisti raccomanda a sua volta a formazione!

75% del proprio tempo lo si passa intrattenendo relazioni

Il 55% della massa salariale è dedicato ad attività di relazione

Il 30% del tempo lo si spende nel gestire relazioni di scarsa qualità

20% di miglioramento della qualità delle relazioni

Mettiamoci in relazione

011 12 34 567

Restare all’ascolto

Vi interessa stare aggiornati o vi interessano i nostri punti di vista? Seguiteci anche su.

 

Cosa ne pensate?

Avete seguito una formazione? Avete qualcosa da esprimere? O volete sapere cosa altri ne pensano?

>Leggete le testimonianze